Ordinanza sindacale

Capodanno a Minervino, vietati petardi e fuochi d'artificio: sanzioni fino a 500 euro

Non dimentichiamo i danni al decoro urbano collegati allo scoppio di petardi in occasione dello scorso capodanno, in cui ad essere gravemente danneggiato fu il monumento dedicato a Giovanni Bovio

Attualità
Minervino domenica 31 dicembre 2017
di La Redazione
Divieto di scoppio di petardi e simili
Divieto di scoppio di petardi e simili © n.c.

La sindaca Mancini ha emanato un'ordinanza sindacale che, come successo in altre occasioni, vuole disciplinare l'utilizzo di fuochi pirotecnici nella notte di Capodanno.

Tale usanza procura ogni anno, puntualmente ed ineluttabilmente, una serie negativa di conseguenze dannose che minacciano l’incolumità pubblica e incidono sulla sicurezza urbana e che provocano danni a persone, ad animali ed al patrimonio sia pubblico che privato; tra le categorie a maggiore rischio in relazione all'incontrollato impiego dei prodotti pirotecnici vi sono i minori, cui deve essere riservata speciale tutela.

Le conseguenze negative vengono a determinarsi anche a carico degli animali domestici e selvatici in quanto il fragore degli artifizi pirotecnici ad effetto scoppiante oltre ad ingenerare spavento negli animali, li porta a perdere il senso dell’orientamento aumentando il rischio di smarrimento degli stessi o determinandone, quando gli ordigni esplodono a ridosso degli animali, il ferimento o la morte.

Non dimentichiamo i danni al decoro urbano collegati allo scoppio di petardi in occasione dello scorso capodanno, in cui ad essere gravemente danneggiato fu il monumento dedicato a Giovanni Bovio nell'omonima piazza (leggi qui; leggi qui).

Per questo motivo, con tale ordinanza si impone il «divieto assoluto di accendere, lanciare o sparare materiale pirotecnico o similare. Ferma restando la sanzione amministrativa prevista da leggi e regolamenti, la violazione della presente ordinanza comporta una pena pecuniaria da 25.00€ a 500.00€ ai sensi dell'art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000. Agli agenti della forza pubblica è demandato di far rispettare l'ordinanza».

Le violazioni alle suddette prescrizioni saranno punite ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000 con sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00.

Confidiamo nel buon senso dei cittadini minervinesi affinché una notte di festa non si trasformi, soprattutto per i più deboli, in tragedia o sofferenza.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette