Campionato di terza categoria

F​inale al cardiopalmo per la Top Player Minervino. Il verdetto rimandato all’ultima di campionato

Risultato finale: Sparta Boys Ginosa 2 - ASD Top Player Minervino 2

Calcio
Minervino mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
top player
top player © MinervinoLive

La prima delle due restanti sfide attinenti alla sessione regolare di campionato, (contro lo Spartan Boys in quel di Ginosa), non si è palesata utile alla Top Player Minervino che mirava a disgiungere il prezioso tagliando per l’accesso alla fase successiva (play off) dal momento che, pur ostentando una delle migliori prestazioni dell’anno, se si esamina quanto espresso al di fuori dalle amichevoli mura, non è andata, ahimè, oltre la divisione della posta.

Un pareggio che, in altri tempi e condizioni, sarebbe stato accolto in maniera quanto mai compiacente, nell’attuale contesto suona quasi come una disfatta cocente se si considera che gli uomini di mister Dattoli, alla metà della seconda frazione, potevano contare su un doppio vantaggio (autorete dei padroni di casa a seguito di un calcio franco eseguito da Giovanni Pompeano e, su azione analoga, questa volta ribadita in rete da Musone) inopinatamente vanificato da una successiva condotta, altamente spettacolare sì (così come è stata l’intera gara), ma scevra di quella personalità che la circostanza richiedeva.

Ne riviene che ogni verdetto viene procrastinato all’ultima sfida (giovedì 18 p.v., ancora in trasferta, contro la Virtus Bisceglie), nella quale l’unico risultato proficuo è la conquista dell’intero bottino. Infatti, graduatoria e regolamento alla mano, è d’obbligo considerare che le partite di appendice (seconda classificata contro quinta e terza contro quarta) andranno ad essere disputate solo in caso in cui il distacco sia inferiore ai sette punti; in caso contrario queste vengono annullate e le posizioni cristallizzate. Allo stato, la graduatoria “recita”: Canusium (2^) 43 punti, Sportiva Torre a Mare (5^) 32; quindi, incrocio che non sarà disputato. Ruvese (3^) punti 40, Top Player Minervino (4^) punti 35.

Ne consegue che: se la Ruvese vince in casa (andrebbe a 43 punti) e la “Top” pareggia o perde, è praticamente fuori dai giochi. Una logica, che sarebbe opportuno e realistico evitare di contemplare, porterebbe “casa Top” a considerare ulteriori elementi; della serie: “se la Virtus Bisceglie (sua avversaria) , non avendo più nulla da chiedere a questa stagione, optasse per disputare una gara non proprio della vita o se il Laterza, che ha vinto il campionato, giocasse da Laterza in quel di Ruvo…” L’esperienza insegna, però, che con i “se” ed i “ma” non si va da nessuna parte; quindi, meglio affidarsi e fidarsi solo ed esclusivamente delle eloquenti risorse, congenite nell’organico ed in più circostanze profferite.

Lascia il tuo commento
commenti