Risultato finale: ASD Top Player Minervino 3 - Virtus Bisceglie 0

Netta affermazione della ASD Top Player Minervino contro la Virtus Bisceglie

Tutto molto bello in una gara che, al netto di qualche lievissima sbavatura difensiva, ha rappresentato un gruppo unito ed omogeneo

Calcio
Minervino lunedì 25 marzo 2019
di La Redazione
Top player minervino
Top player minervino © MinervinoLive

Con un risultato netto che non lascia spazio a commenti, la Top Player Minervino, disputando una gara gagliarda e volitiva, non lascia scampo ad una volenterosa e battagliera Virtus Bisceglie, apparsa comunque compagine ben organizzata che, vendendo cara la pelle, ha confermato di valere i punti recitati da una classifica che la vedeva distanziata dalla compagine minervinese di una sola lunghezza.

La “Top”, nell’odierna contesa ha, però, fatto valere il tasso tecnico ingenito nel proprio gruppo, componente che, alla fine, gli ha permesso di avere la meglio nella totalità degli elementi: approccio alla gara, voglia e determinazione nella ricerca del risultato, predisposizione al sacrificio, cattiveria agonistica e tessitura delle trame di gioco; in riferimento a quest’ultimo, gli uomini dell’apprezzato e stimato mister Dattoli si sono resi protagonisti di giocate veramente d’alta scuola calcistica, vedi la confezione della terza segnatura o le geometrie , a più riprese apparse veri e propri “ricami”.

Per quanto concerne la lotta per l’aggiudicazione di una poltrona al banchetto delle pretendenti al salto di categoria, l’odierna giornata vede un Minervino consolidare il quarto posto in classifica generale (posto che dovrebbe agevolmente confermare dopo la terzultima – trasferta in quel di Molfetta cenerentola del torneo), a tre punti dalla Ruvere, sua avversaria nella penultima.

A fronte del quadro rappresentato dalla graduatoria, a meno di scongiurabili e fragorosi capitomboli, la partecipazione all’appendice del campionato, per Antonio Santeramo e compagni, dovrebbe essere assicurata.

La cronaca:

Dopo le prime fasi di studio durante le quali il tecnico Dattoli provvedeva a pianificare disposizione e modulo, la “Top”, riversandosi nella metà campo biscegliese, cominciava a fare sul serio; di concerto, cominciavano a fioccare le occasioni da rete: la prima al 15° minuto, quando la palla danzava pericolosamente nei pressi della linea di porta senza che nessun avanti locale trovasse il guizzo per ribadire in rete, la seconda al 25° con Raffaele Sanluca che, però, mortificava l’appuntamento!

A questo punto della gara, qualcuno avrà sicuramente rivisti i fantasmi “incrociati” in quel di Altamura (una miriade di occasioni create e fallite con in premio l’atroce beffa finale).

Se nella circostanza rimembrata il destino parve segnato da un grafico in picchiata, non così l’odierno.

Al 28° minuto, infatti, sugli sviluppi di un calcio piazzato dal vertice destro dell’area Virtus, Gianluca d’angella disegnava la solita, insidiosa traiettoria sulla quale si avventava il sempre positivo Suso che da due passi metteva in rete e Minervino meritatamente in vantaggio.

I minervinesi, fino a quel momento costantemente protesi in avanti, “decidevano” di tirare il fiato e la partita viveva una fase di stanca.

Gli ospiti, a fronte dell’atteggiamento dei locali, ritenevano di poter osare o comunque tentare una qualche sortita dalle parti di Riccardo Frondini il quale, al 41° , sugli sviluppi da calcio d’angolo, doveva metterci del suo per evitare la capitolazione.

Il primo tempo si chiudeva senza che null’altro accadesse.

Ripensando al pericolo scampato nel finale della prima frazione e sicuramente catechizzati a dovere nella pausa da Pasquale Dattoli, gli undici “Top” rientravano in campo con l’iniziale piglio, determinati a chiudere e mettere al sicuro la “pratica”: al 3° minuto con un tiro dal limite, a fatica messo in angolo dall’estremo ospite e al 6° con Sanluca che sparava alle stelle un “invito” degno di miglior considerazione.

All’11° Riccardo Frondini si guadagnava la sua “pagnotta” andando a sventare una insidiosissima conclusione del centravanti ospite .

Al 20° Abdu, liberatosi da par suo, dai sedici metri lasciava partire un velenosissimo rasoterra che esaltava le doti del portiere biscegliese il quale nulla poteva al 40° , a seguito di una letale ripartenza finalizzata dallo scatenato stesso giocatore. Il topico, però, doveva ancora venire.

Non passavano che un paio di minuti quando, l’eccellente Abdu, decideva di deliziare la platea recitando un monologo da autentico mattatore del palcoscenico (quale lui oggi è stato): ricevuta la palla, con tecnica sopraffina e lucida consapevolezza nei propri mezzi, saltava come birilli chiunque gli si parasse davanti; entrato in area, scorgeva Laghezza, il quale non desiderava altro che il poter partecipare, seppur in qualità di comparsa, alla performance: “battuta” imbeccatagli e sipario “calato”!

Tutto molto bello in una gara che, al netto di qualche lievissima sbavatura difensiva, ha rappresentato un gruppo unito ed omogeneo che fa ben sperare per quanto attiene agli impegni futuri.

Formazione della ASD TOP PLAYE MINERVINO:

Frondini, , Sansonna, d’Angella, Pompeano, Impera, Suso, Abdu, Scardi, Somma, Santeramo, Sanluca

A disposizione: Quacquarelli, Pasquarelli, Mennoia, Coppola; Murolo, Di Nunno, Laghezza

Tecnico: Pasquale Dattoli

Lascia il tuo commento
commenti