Risultato finale: A.S.D. Top Player Minervino 1 - Football Altamura 2

Battuta d’arresto dell’A.S.D. Top Player Minervino nella gara che chiudeva il 2018

Doveva e poteva essere una chiusura del 2018 con il botto ma, purtroppo, il fragore è stato quello di un inaspettato tonfo per l’ASD Top Player Minervino

Calcio
Minervino lunedì 31 dicembre 2018
di La Redazione
Top Player
Top Player © MinervinoLive

Doveva e poteva essere una chiusura del 2018 con il botto ma, purtroppo, il fragore è stato quello di un inaspettato tonfo per l’ASD Top Player Minervino che tra le mura amiche ha conosciuto, contro un ben organizzato ma non trascendentale Football Altamura, l’onta amara della prima sconfitta in una partita dai due volti.

Infatti, ad un primo tempo del Minervino, giocato con autorità e determinazione, con il duo Santeramo - Konè che, lucido e ispirato, dettava tempi e giocate, seguiva una seconda frazione nel quale si assisteva ad una involuzione, sia per quanto concerne il gioco che, soprattutto, lo “spirito”.

Ne riviene che, alla ripresa delle ostilità, i “Top” sembravano aver lasciato il positivo atteggiamento dei primi 45 minuti, negli spogliatoi.

Questo, non poteva far altro che conferire coraggio all’undici altamurano (sopraffatto nel primo tempo) il quale, ringalluzzito, cominciava veramente a crederci.

Certamente, l’uscita anzitempo per problemi fisici dell’odierno trascinatore Santeramo può essere un rammarico ma, non tale da giustificare quanto poi dipanatosi nella restante fetta di gara.

Senza voler emanare giudizi oltremodo negativi o “sputare” le sempre deleterie sentenze, bisogna serenamente considerare che nell’odierna contesa, l’undici di mister Dattoli, al quale non si può imputare alcuna colpa, ha dovuto fare i conti con un reparto difensivo non proprio irreprensibile o comunque meno solido delle altre uscite.

La cronaca.

Il Minervino partiva subito forte e dopo le prime fasi di studio, al 12°, era già in vantaggio, grazie a Santeramo che, appena entrato in area, lasciava partire un siluro sul quale il portiere ospite nulla poteva;

Al 15’ era la volta di d’Angella che, dai venticinque metri, armava il suo sinistro lasciando partire un bolide che l’estremo ospite a stento riusciva a respingere;

al 21° meravigliosa “tessitura” del Minervino: palla da Pompeano a Santeramo, da questi a Konè il quale, peccando d’altruismo, invece di tirare preferiva cercare un compagno al centro con la palla che attraversava tutta l’area piccola e terminava sul fondo;

al 24°, ancora azione da manuale del Minervino che a seguito di un fraseggio in velocità di Barcellona memoria, consentiva a Santeramo (sempre lui) di andare alla conclusione; stavolta strozzava la conclusione dando così l’opportunità al portiere avversario di neutralizzare;

al 31° Santeramo, nel suo canto del cigno, imbeccava Scardi ai sedici metri con il tiro di quest’ultimo che scheggiava il montante a guardiano ospite irrimediabilmente battuto.

In questo primo scorcio, Minervino che aveva raccolto le briciole di quanto seminato e undici altamurano non pervenuto.

Nella seconda parte di gara si intravedeva che gli atteggiamenti si erano sovvertiti; da una parte un Football Altamura, arrembante e più propositivo e dall’altro un Minervino “spento”.

Questo non faceva presagire niente di buono.

Ed ecco che, al 5°, l’intera retroguardia minervinese si rendeva protagonista negativa di un malefatto con Frondini che rinviava alla meno peggio andando, in pratica, a consegnare il pallone sui piedi di un avanti avversario al limite dell’area; su questo interveniva con irruenza uno dei difensori commettendo fallo; sulla conseguente punizione e con la barriera mal piazzata, l’avanti altamurano trovava modo e spazio per uccellare il correo estremo locale;

al 20° ancora Altamura sugli scudi e dopo una pregevolissima azione Frondini (in questa occasione efficace) doveva superarsi per non capitolare ancora;

al 32° la difesa minervinese metteva il sigillo alla sua “sciagurata” giornata; su una palla riveniente da calcio d’angolo, tutti fermi e centrocampista ospite che indisturbato, di testa, metteva nel sacco;

L’unico sussulto della ripresa il Minervino lo confezionava al 35° quando, su azione da calcio d’angolo, in mischia sfiorava il palo.

Fino alla fine, con gli altamurani che con coriacea esperienza riuscivano ad disinnescare le ormai velleitarie azioni minervinesi, c’è solo da rimarcare una terza loro segnatura (autentica fotocopia della precedente) ingiustamente annullata dal direttore di gara.

Formazione della Top Player Minervino: Frondini, Somma, Sansonna, Suso, Musone, Pompeano, Scardi, d’Angella, Mennoia, Konè, Santeramo.

Allenatore: Pasquale Dattoli

Lascia il tuo commento
commenti