Politica e ambiente

Comitato Attività Alta Murgia di Minervino: "Amministrazione Mancini incapace sulla questione Parco"

"Traditi da questo comportamento inammissibile di Amministratori, falsi e bugiardi, incapaci di affrontare il problema legato alla presenza del Parco Nazionale dell'Alta Murgia"

Politica
Minervino sabato 12 giugno 2021
di La Redazione
Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Parco Nazionale dell'Alta Murgia © n.c.

"Che il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, dall’istituzione (2004) ad oggi non abbia portato alcun beneficio alla popolazione è sotto gli occhi di tutti, anzi è stato il colpo di grazia della chiusura di tante aziende operanti nel territorio; ma strumentalizzare un problema grave vissuto da tanti cittadini per un tornaconto politico-elettorale suscita ribrezzo", è questo l'affondo che il Comitato delle Attività Produttive dell'Alta Murgia indirizza all'Amministrazione Comunale di Minervino.

I responsabili del Comitato fanno un resoconto dei fatti che legano l'Amministrazione Mancini al Parco Nazionale: "Primavera 2016, nel programma politico della Lista Siamo Minervino spunta non a caso una dicitura RIDEFINIZIONE DEI CONFINI DEL PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA, con l’esclusione delle Superfici Agricole Utilizzate (SAU), uno dei tanti progetti  promessi alla cittadinanza dall’attuale amministrazione (Roccotelli-Mancini), ma mai realizzati al solo scopo di racimolare consensi elettorali.

Da Ottobre 2016 a Novembre 2019, tantissimi incontri-confronti anche con le Istituzioni (Vari Presidenti del Parco e della Comunità del Parco), dove il Comitato è riuscito a dimostrare inequivocabilmente e concretamente le assurdità di tale inutile carrozzone.

Sin dall’inizio, tuttavia, si notava una chiara riluttanza e distacco da parte dell’Amministrazione Roccotelli-Mancini nell’affrontare le problematiche derivanti dall’istituzione Parco, un esempio su tutti: la richiesta di un questionario infinito (Dati anagrafici-fogli mappali-Agro-particelle-elenco delle motivazioni), un lavoro immane, fatta allora da Roccotelli-Mancini al solo scopo di allungare i tempi e di stancare i cittadini, ma il Comitato, determinato nel percorso, proseguiva spedito e riusciva egregiamente (anche grazie alla collaborazione di circa 400 cittadini) a superare con successo l’ennesima pretestuosa richiesta dell’Amministrazione.

Novembre 2019: La Sindaca dopo mesi ed anni di assoluto immobilismo, convoca il Responsabile cittadino e provinciale del Comitato e dichiara che uscire dal Parco è impossibile e tanto meno impegnarsi a tentare la procedura amministrativa".

"Alla luce di questa breve esposizione di quanto successo - conclude il Comitato -  e della chiara inerzia amministrativa, gli agricoltori, allevatori e tutti i cittadini che hanno a cuore il destino economico della nostra comunità si sentono traditi da questo comportamento inammissibile di Amministratori, falsi e bugiardi, sia per l’incapacità di affrontare un problema, sia per le menzogne elargite copiosamente in malafede.                                                          

Ci chiediamo: Perché gravare tutti gli agricoltori ed allevatori di un lavoro così impegnativo, sottraendoli ai loro impegni quotidiani, quando era così chiaro che non c’era e non c’è alcuna volontà politica di occuparsi di questo tema?

Chiediamo alla Sindaca ed ai suoi compari di risparmiarci nella prossima campagna elettorale il “problema” Parco, e suggeriamo di non promettere cose che non si può o non si vuole mantenere, tantomeno usare una disgrazia vissuta da tanti cittadini ed aziende solo ed esclusivamente per propaganda elettorale al solo scopo di occupare inutilmente una poltrona".

Lascia il tuo commento
commenti