Verso le elezioni comunali

Comunali 2021, i possibili candidati sindaco a Minervino

A 5 mesi dal voto nessuno esce allo scoperto, ma i giochi sono aperti

Politica
Minervino martedì 12 gennaio 2021
di La Redazione
La fascia del sindaco
La fascia del sindaco © n.c.

Covid permettendo, a primavera i minervinesi dovranno eleggere il nuovo Sindaco e il nuovo Consiglio Comunale per il quinquennio 2021-2026. Normalmente la data viene fissata a fine maggio o inizio giugno con l'incognita dell'andamento della pandemia che potrebbe far slittare tutto a settembre come avvenuto nel 2020, ipotesi che da più parti si sta paventando. Ma a 5 mesi del voto, 4 se consideriamo il termine per presentare le liste, nessuno ancora ha ufficializzato la propria candidatura. Proviamo allora ad azzardare delle ipotesi sulle quali i partiti e movimenti politici locali si stanno confrontando in queste settimane. 

L'amministrazione di Lalla Mancini e SiAmo Minervino si avvia verso la conclusione del mandato. Ma non è dato ancora sapere ufficialmente se la professoressa di musica chiederà ai cittadini un nuovo mandato per proseguire l'esperienza amministrativa, oppure lascerà ad altri la candidatura nelle sue fila politiche, riconducibili al centro destra. Diverse sono le voci di una imminente dichiarazione della Mancini che annuncerebbe la sua ricandidatura a Sindaca di Minervino sostenuta dalla propria compagine civica, vicina a Fratelli d’Italia. Resta l’incognita di cosa faranno gli altri partiti del centrodestra, se convergeranno sul progetto Mancini bis (ipotesi più accreditabile), o prenderanno altre strade con protagonisti e percorsi tutti da decifrare.

Bocche chiuse anche nel versante del centrosinistra dove nessuno è uscito ancora allo scoperto e la parola d'ordine pare sia restare uniti e non disgregarsi, per non ripetere gli errori della scorsa tornata. In tal senso pare chiuso l'accordo con il gruppo degli attivisti 5 stelle minervinesi intenzionati a correre in coalizione con PD e alleati.  Ma si è lontani dal trovare un accordo soprattutto sul candidato sindaco. Si susseguono in questo periodo incontri, messaggi e rumors. Gli scenari aperti sono diversi. In pole position come candidato del centrosinistra per la fascia tricolore dovrebbe esserci il consigliere Antonio Scarpa, che nella scorsa tornata fece il pieno di voti, risultando il candidato più suffragato, così come 10 anni fa sempre nella coalizione L'Ulivo per Minervino. Sarebbe, a parere di molti, essere giunto il momento per scommettere su di lui. In campo anche l'ipotesi di vedere di nuovo in corsa per la poltrona di sindaco Rino Superbo, sconfitto seppur di poco 5 anni fa, ma esponente di riferimento per il Partito Democratico. Possibile anche l’individuazione di altri candidati interni al partito o addirittura di una new entry della società civile. Staremo a vedere cosa succede nelle prossime settimane.

Da non escludere che altre coalizioni possano formarsi, come spesso avviene, per raccogliere gli esclusi o i delusi dalle coalizioni principali, o per rappresentare l'esaltazione personale di qualcuno con il rischio di creare improbabili liste che rischierebbero addirittura di restare fuori dal consesso comunale, disperdendo inutilmente voti e risorse.
Insomma il dibattito in città sul toto-candidato sindaco è partito, vedremo chi farà la prima mossa.

Lascia il tuo commento
commenti