Approfondimento culturale

"Aldo Moro, martire laico" il progetto a Minervino

L'ex senatore Gero Grassi giovedì al cinema per il progetto culturale della Regione Puglia sulla figura dello statista italiano

Cultura
Minervino lunedì 16 settembre 2019
di Maria Michela Sarcinelli
Aldo Moro
Aldo Moro © n.c.

Ciò che non è ancora stato scritto sui libri di storia sarà oggetto di una conferenza che si terrà giovedì 19 settembre alle 18.00 nell'ex Cinema Moderno di Minervino Murge, per far luce sulla storia di Aldo Moro, attraverso il racconto del politico e giornalista Gero Grassi.

"Aldo Moro: martire laico", questo il nome dell'incontro, fa parte di un progetto triennale che il consiglio regionale della Puglia sta portando per tutta la regione grazie all'impegno dell'ex senatore Gero Grassi, già presidente della commissione di inchiesta sul rapimento e l'omicidio Moro. Una pagina della storia italiana di cui tutti abbiamo memoria. Lo scopo è quello di diffondere il pensiero ed il ruolo che il pugliese Aldo Moro ha ricoperto negli anni tra il 1946 e il 1948, quando ha fatto parte della Costituente e negli anni successivi come protagonista della Democrazia Cristiana. Una vicenda quella del'uccisione del leader della DC che ancora oggi è caratterizzata da punti oscuri. Ciò che Gero Grassi presenterà è il risultato di un approfondimento durato anni, sia sugli atti dei processi sia sull'analisi di documenti fino a poco tempo fa coperti dal segreto di Stato. Tutto questo materiale fa di Gero Grassi uno dei massimi conoscitori della materia.

La figura di Moro si presta facilmente a rappresentare l'esempio di cittadino impegnato in politica e nel governo della cosa pubblica, un messaggio, oggi più di ieri, di forte attualità. A condurre la serata sarà il professore Sabino Redavid, esperto di storia contemporanea e presidente dell'associazione "Eredi della storia". Previsto anche il saluto istituzionale della Sindaca prof.ssa Lalla Mancini, che a nome del Comune aveva chiesto e ora ottenuto questo intervento culturale della Regione in città.

Lascia il tuo commento
commenti