Cultura e rilancio

Antonio Ippolito nominato Presidente onorario della Pro Loco, un riconoscimento all'impegno profuso

Antonio Ippolito ha retto l'ente locale sostanzialmente dal 1998 al 2015 con qualche interruzione. A lui si deve il rilancio della rinomata Sagra del Fungo Cardoncello

Cultura
Minervino lunedì 02 settembre 2019
di Enzo Savino
Antonio Ippolito nominato Presidente Onorario
Antonio Ippolito nominato Presidente Onorario © n.c.

Un riconoscimento che premia l'impegno e la passione dimostrata nel tempo, quello attribuito nella giornata di ieri ad Antonio Ippolito, per molti anni alla guida della Pro Loco locale.

Alla presenza dei responsabili della Pro Loco locale e regionale e delle autorità cittadine, su iniziativa della Pro Loco di Minervino Murge è stata, infatti, assegnata al socio Ippolito la carica di "Presidente Onorario in ragione dell'impegno profuso dallo stesso a beneficio della comunità intera di Minervino Murge", come si legge sulla targa, a nome della Pro Loco di Minervino, consegnata direttamente per mano della prima cittadina Mancini.

Antonio Ippolito ha retto l'ente locale sostanzialmente dal 1998 al 2015, con qualche interruzione. A lui si deve il rilancio della rinomata Sagra del Fungo Cardoncello e del Carnevale Minervinese, nonchè la sottoscrizione di diversi gemellaggi che ancora coinvolgono la nostra Città. Tra i legami più significativi vanno ricordati quelli con Sagliano Micca, Amandola e Pieve di Soligo.

Gratitudine espressa anche dall'attuale presidente Tucci e da tutti soci della Pro Loco di Minervino Murge.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe Renna ha scritto il 07 settembre 2019 alle 07:31 :

    La gratitudine non è condivisa, perché l'amico Antonio è stato denigrato da alcuni personaggi che ora gli conferiscono l'onorificenza ma se il fine è nobile il secondo fine è ridicolo perché a detta della attuale dirigenza dovrebbe organizzare la 25 edizione della Sagra del Fungo Cardoncello perché loro sono incapaci. L'ipocrisia è totale e non si capisce perché Antonio si presta a tanto... Rispondi a Giuseppe Renna