Cinema e scenari

"Un giudice ragazzino", si cercano comparse per il cortometraggio

Nel cast saranno presenti bambini della regione Puglia che con entusiasmo hanno deciso di prendere parte alle riprese

Cultura
Minervino venerdì 07 giugno 2019
di La Redazione
Un giudice ragazzino
Un giudice ragazzino © n. c.

L'arte cinematografica è in continua evoluzione e sempre più sono i film e i corti interamente girati fra l'incantevole Puglia e la variegata Basilicata, territori mozzafiato ricchi d'innesti floreali e d'arboricoltura. Quest'oggi andiamo a raccontarvi, a proposito di pellicole del Sud Italia, del nuovo cortometraggio

partorito tra le aule della Roma Film Academy (scuola di cinema italiana situata a Cinecittà) che verrà ambientato internamente nei nostri territori.

"Un giudice ragazzino", ecco il titolo del corto che prende spunto dal romanzo "Un giudice ragazzino" di Salvatore Renna, vignettista e scrittore nato a Gravina in Puglia, ma di adozione maceratese.

La volontà di mettere in scena codesto lavoro è spinta da due forti ruote motrici: giustizia e mafia. Spetta al ragazzino Rosario, protagonista delle vicende del corto, imparare sulla propria pelle a lottare per i 'giusti' e di trovare il coraggio di urlarlo a tutti.

Le riprese del cortomeggio si svolgeranno dal 7 al 13 luglio tra le regioni delle Puglia e della Basilicata. Anche Minervino farà da scenario alle riprese.

La produzione è alla ricerca di comparse/figurazioni speciali: bambini dai 7 ai 14 anni e uomini e donne dai 20 ai 50 anni con residenza in Puglia e Basilicata.

La regia vanta un grande persona dal punto di vista umano, prima che artistico: Pierluigi Glionna classe 98 di Spinazzola, che con il suo entusiasmo ha saputo coinvolgere altri studenti dell'Accademia sú citata: Marika A. Carolla scrittrice e sceneggiatrice originaria di Benevento, Sara Luzzi, Chiara Ceppaluni, Federico Majorana, Michela Turetta, tutti romani, la veneziana Francesca Baccega in qualità di attrice, Marco Pozzato lombardo come aiuto regia, Marianna Ferrante e Andrea Rauccio.

Nel cast saranno presenti bambini della regione Puglia che con entusiasmo hanno deciso di prendere parte alle riprese, appoggiati dai genitori che hanno creduto nel progetto. Tra questi il piccolo Lorenzo Carulli.

Il progetto è indipendente e per questo autofinanziato, ma per chiunque volesse dare il proprio contributo c'è la possibilità di aderire con una libera quota attraverso la piattaforma: Produzioni dal Basso.

Lascia il tuo commento
commenti