Teatro minervinese

Fervono i preparativi per l'ultimo lavoro teatrale dell'Associazione “Teatro La Scesc-l”

La compagnia teatrale a partire da venerdì 14 giugno, con successive rappresentazioni, porta in scena un testo di Tonino Gallucci dal titolo: “U d-stèin jè ‘mbaem (ma ne-u l dàmm na maen)".

Cultura
Minervino martedì 04 giugno 2019
di La Redazione
“U d-stèin jè ‘mbaem (ma ne-u l dàmm na maen)
“U d-stèin jè ‘mbaem (ma ne-u l dàmm na maen)". © n.c.

Fervono al Cinema Moderno di Minervino i preparativi in vista dell’evento che, di fatto, chiude la Stagione Teatrale 2018 – 2019. Ai nastri di partenza l’Associazione “Teatro La Scesc-l”, con il patrocinio del Comune di Minervino Murge e inoltre la concessione di quello morale e logo della Fondazione Matera-Basilicata 2019, che a partire da venerdì 14 giugno p.v., con successive rappresentazioni previste nei giorni 15 – 16 – 21 – 22 e 23, porta in scena un testo (l’ennesimo) di Tonino Gallucci dal titolo: “U d-stèin jè ‘mbaem (ma ne-u l dàmm na maen)". Nella stesura l’autore, a dimostrazione del fortissimo legame che lo lega al teatro, dal quale continuamente affascinato e ritenuto prezioso strumento di crescita nonché mezzo che, pur non offrendo certezze o la verità assoluta, profferisce emozioni, immagini, sensazioni, domande e parti di esattezza, rimane fedele a quella che è la sua acclarata propensione narrando, senza adulterarlo, uno spaccato del vissuto che ha caratterizzato e caratterizza la nostra storia.

Da qui la messa a fuoco di una problematica che da sempre (ed in qualche caso forse lo è tutt’ora) ha visto e vede coinvolte e “prigioniere” intere famiglie: le credenze popolari. La metafora rappresentata nel titolo altro non vuol essere che un invito a considerare maggiormente la realtà; la vita (u d-stèin) di ognuno è già di per sé irta e spinosa (‘mbaem), ma la credenza a manifestazioni inverosimili può renderla ulteriormente malagiata. Interpreti della rappresentazione sono: Franco Caldarola, Valeria Sassi, Concetta Giuliano, Raffaele Martoccia, Anna Sassi, Luigi Carlone, Michela Tarallo e Mimmo Sassi (gruppo storico dell’Associazione); i debuttanti: Aurora Iezza e Riccardo Caldarola e la altresì gentile partecipazione di Claudio Giorgio, Giacomo Cocola e Teresa Sassi. Allestimento scenico: Giuseppe Iezza, Luigi di Consolo, Dino Castrovilli e Graziano Rinelli. Tecnico audio e luci: Giuseppe di Vietri La regia è stata curata da Loredana Sassi. La prevendita sarà effettuata tutti i giorni, a partire da Sabato 8 giugno p.v., presso l’androne del Comitato Feste Patronali, dalle ore 11 alle 13 e dalle 19 alle 21.

Lascia il tuo commento
commenti