Cultura e spettacoli

Cinema d'Autore d'Estate a Spinazzola, tanta qualità per gli appuntamenti di fine rassegna

Il 6 ottobre sarà la volta di "2001 Odissea nello spazio", mentre il 7 ottobre spazio agli artisti del territorio alle prese con il mestiere del cinema

Cultura
Minervino venerdì 05 ottobre 2018
di La Redazione
2001 - Odissea nello spazio
2001 - Odissea nello spazio © n.c.

"2001, Odissea nello Spazio" di Stanley Kubrick, il film che ha cambiato la storia del cinema, quest'anno compie cinquant'anni.

Per l’occasione, dopo trent'anni di buio la pellicola più famosa di sempre è tornata sugli schermi enormi, in versione restaurata. L’opera maestosa, più bella che mai, è stata presentata al Festival di Cannes ed è uscita subito dopo in pochissime sale in tutta Italia.

Adesso la direzione artistica della rassegna di Film d’Autore svoltasi presso il Cine Teatro Supercinema di Spinazzola, propone il capolavoro di Kubrick al suo pubblico e, come una navicella spaziale con tettuccio apribile verso un cielo infinito, si appresta a raccogliere i curiosi al suo interno.


"Non si può lasciare andare questa grande opportunità - afferma la direttrice artistica della rassegna, Anna Moretti - per chiudere in bellezza, a dirla tutta, la rassegna di Cinema D'autore. Si sta offrendo ai suoi spettatori la possibilità di assistere e confrontarsi con un’opera mitica, e per certi versa emblematica: 2001: odissea nello spazio raccoglie e rilancia il mistero della vita umana".

Esaltata dall’idea di poter comprendere il mondo attraverso la scienza, l’umanità si è spinta fuori dal pianeta terra, non rassegnata all’idea che il linguaggio e il significato non esistano al di fuori di se stessa. Il fallimento di Hal 9000, la macchina per eccellenza, della sua tecnologia, di fatto frutto della (super)umanità, rappresenta un richiamo alla nostra stessa condizione di persone, tuttavia il finale del film mostra l’evidente possibilità di una stupefacente rinascita.

Quest’opera gigantesca ha ispirato non poche riflessioni, d’altronde segna uno spartiacque tra tutto quello che è stato prodotto prima e ciò che è stato concepito dopo di essa. In questi cinquant’anni storici, filosofi, ricercatori, persino politici ne hanno valutato le ampie sfumature analizzando e cercando di comprendere i tanti simboli sparsi nelle sue splendide immagini .

Per i grandi appassionati della settima arte: La vostra ricerca non può prescindere da questa pietra miliare della cinematografia mondiale - continua Anna Moretti - Questa pellicola è considerata da tutti i critici e i cinefili del mondo il capolavoro della settima arte. Vale la pena guardarlo in 4K, rigorosamente in sala”.

Quattro anni di lavoro, una sperimentazione tecnica e sonora che avrebbe impressionato persino i tecnici della Nasa per un film che ha segnato in maniera indelebile la carriera di Kubrick, lacerando la linearità del tempo e contenendo al suo interno tutto il cinema precedente e posteriore.

Tre atti: l’alba dell’uomo, la missione verso Giove, e il viaggio oltre l’infinito. Come in un vortice spazio temporale la nostra storia è rarefatta fino ad implodere nel nero assoluto del monolite.

Il 6 ottobre alle 18.00 il film sarà preceduto da un breve incontro con Marco Spoletini, che ha curato l'editing del film "Dogman" di Matteo Garrone, e dei cortometraggi in rassegna: "Penalty" di Aldo Iuliano e "L' Avenir" di Luigi Pane, regista anch'egli nostro ospite dell'incontro. "L'Avenir" sarà visibile questi giorni prima dei film in rassegna, come da programma. Restiamo tutti in trepidante attesa della serata finale, con ingresso gratuito, il 7 ottobre, ore 21.00.

L’evento a sorpresa sarà dedicato agli artisti del territorio, giovanissimi, alle prese con il mestiere del cinema, molti di loro saranno presenti in sala.

Verranno proiettati il corto “Supercinema”, realizzato a Spinazzola nei mesi scorsi per la regia di Pasquale Coletti, e il film di produzione indipendente “Senza Distanza”, regia del molisano Andrea Di Iorio, lavoro coraggioso e originalissimo, da poco nelle sale. Il film ha come protagonista Lucrezia Guidone, famosa attrice di origini spinazzolesi.

Consigliamo a tutti di farvi questi regali.

"2001, Odissea nello Spazio" è in programma il 5 e il 6 ottobre alle 18.00 e alle 21:10, il 7 ottobre alle 18.00 e l'8 ottobre alle 18.00 e alle 21.10 presso il Cine-Teatro Supercinema di Spinazzola.

Conclude Anna Moretti: “La rassegna giunge così al capolinea, con un programma finale megagalattico. In queste ultime settimane abbiamo riempito la sala di ragazzi scalpitanti in attesa di condividere con noi il desiderio per il cinema che avevamo da offrir loro, abbiamo avuto l’onore di Ospitare il grandissimo Matteo Garrone, abbiamo accolto una marea di ospiti molto generosi con il pubblico. Sabato mattina mostreremo ancora contenuti, stavolta i cortometraggi, ad altri ragazzi; e discuteremo con loro sui grandi temi che i film brevi selezionati scatenano nelle coscienze. Grazie per averci prestato attenzione e averci dato fiducia, alla prossima. “Verso l’infinito e oltre”, state con il cinema, non vi deluderà mai fino in fondo".

Lascia il tuo commento
commenti