Riparte il turismo

Giornate FAI di primavera, unico evento nella BAT nel museo diocesano di Andria

All’interno dell’esposizione diverse opere provenienti da Minervino, sarà possibile visitarle grazie al FAI

Cultura
Minervino mercoledì 12 maggio 2021
di La Redazione
Il Volto Santo, olio su tela proveniente dalla cappella delle Visitandine (Conservatorio) di Minervino Murge, custodito presso il Museo Diocesano
Il Volto Santo, olio su tela proveniente dalla cappella delle Visitandine (Conservatorio) di Minervino Murge, custodito presso il Museo Diocesano © Museo diocesano di Andria

Tornano le giornate FAI di primavera nel nostro territorio, a darne comunicazione la prof.ssa Enza D'Aloja, responsabile del FAI a Minervino Murge.

“Un invito a guardare al domani con rinnovata fiducia coraggio, orgoglio e generosità”.

Proprio nel significato più profondo di queste parole è racchiuso lo spirito della 29ª edizione delle Giornate FAI di Primavera in programma sabato 15 e domenica 16 maggio 2021. Le Giornate FAI di Primavera sono il primo grande evento nazionale dedicato ad arte e cultura organizzato dopo l’ultimo periodo di lockdown.

Un’iniziativa che il Fondo per l’Ambiente Italiano ha voluto coraggiosamente e prontamente programmare grazie a un’incontenibile voglia d’Italia, a un’inesauribile fiducia nel Paese. Le Giornate FAI sono un’occasione per conoscere l’inestimabile patrimonio culturale d’Italia e un grande momento di incontro tra il FAI e tutti gli italiani. 

IL RICONOSCIMENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 

In questi giorni alle Giornate FAI di Primavera è stata conferita la Targa del Presidente della Repubblica, a cui va il nostro infinito grazie. Un riconoscimento dedicato alle Delegazioni, ai Gruppi e ai volontari che hanno reso possibili questi giorni di festa dedicati al patrimonio del Paese. 

LE APERTURE NELLA BAT 

In quest’anno, così particolare e così difficile tocca ad Andria, nella delegazione BAT, dare un segnale di ripresa con l’apertura del Museo Diocesano “San Riccardo”. Situato nel cuore del centro storico di Andria è stato oggetto di un accurato e paziente intervento di restauro e riqualificazione, terminato solo nel 2019. Questo lavoro ha dotato la città di Andria e l’intera diocesi di un polo museale di grande prestigio, finalizzato a contenere opere importanti come l’Icona bizantineggiante della Madonna di Andria (XIII sec.), l’Altare portatile di San Gregorio (XII sec.), il busto marmoreo raffigurante Francesco II del Balzo di Laurana o Gagini (XV sec.), le due tavole dipinte raffiguranti il Cristo Redentore e la Vergine (XV sec.) di un ignoto pittore provenzale, due statue lignee raffiguranti la Vergine e San Giuseppe (XV sec.), tre tavole di un polittico raffiguranti Santa Chiara, Sant’Agostino e San Berardino da Siena di Antonio Vivarini (XV sec.), la Maddalena al sepolcro di Cesare Fracanzano, la Natività o Adorazione di Pastori di Corrado Giaquinto (XVIII sec.). Presenti all’interno del museo anche opere rinvenute da alcune chiese di Minervino Murge, come il Volto Santo, tela recuperata dalla Cappella delle Visitandine (Conservatorio) o del ciclo dei 4 angeli appartenuti alla chiesa dei Cappuccini.

La visita al Museo, di per sé di grande interesse, diventa ancora più importante perché a condurla saranno gli studenti dell’IISS Colasanto di Andria. E’ la conoscenza del nostro passato proiettata verso il futuro con la sensibilizzazione dei giovani che hanno imparato a conoscere e ad amare il patrimonio artistico della città. Un grazie sentito a tutti quelli che hanno reso possibile l’evento: il direttore del museo, don Giannicola Agresti, il responsabile, Giovanni Lullo, il dirigente, prof. Cosimo Strazzeri, i docenti e gli studenti dell’IISS Colasanto di Andria.

LE APERTURE IN PUGLIA 

Tra le aperture più interessanti delle Giornate FAI di Primavera 2021 in PUGLIA ricordiamo la Concattedrale Gran Madre di Dio a Taranto, il Castel Fiorentino e il Parco Archeologico a Torremaggiore (FG), la Masseria Palaziata Di Murgia Albanese a Noci (BA), la ex Caserma Rossani a Bari e ancora la Chiesa dei Ss. Nicolò e Cataldo a Lecce la Masseria di Punta Pizzo a Gallipoli (LE) e il Palazzo Lagravinese a Cisternino (BR). 

È possibile consultare l’elenco completo dei beni aperti in PUGLIA su: https://www.fondoambiente.it/ilfai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?regione=PUGLIA 

COME PARTECIPARE ALLE GIORNATE FAI DI PRIMAVERA 

Nel rispetto della normativa vigente (Decreto Sostegni del 22 aprile 2021), per partecipare alle Giornate FAI di Primavera è obbligatorio prenotarsi sul sito www.giornatefai.it  entro e non oltre la mezzanotte del giorno precedente la visita. Gli ingressi saranno disponibili fino all’esaurimento dei posti di ogni turno per garantire la sicurezza di tutti. 

Questo il link per prenotare la visita del Museo “San Riccardo” https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/evento/museo-diocesano-san-riccardo38751/?_ga=2.97582236.227362098.1620474688-1552577530.1592835124  

aperto su prenotazione sabato 15 e domenica 16 maggio 2021 dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle 19.00 (ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura).

Lascia il tuo commento
commenti