Coronavirus

Tamponi in corso per le classi in quarantena, 23 i positivi a Minervino

La Sindaca aggiorna sulla situazione delicata che sta vivendo la città

Cronaca
Minervino sabato 17 ottobre 2020
di La Redazione
Lalla Mancini
Lalla Mancini © n.c.

La Sindaca di Minervino Murge, prof.ssa Maria Laura Mancini, con un comunicato apparso sul proprio profilo social ha aggiornato la cittadinanza sulla particolare situazione che sta vivendo la città in merito al Coronavirus. Di seguito riportiamo integralmente le sue parole:

"Oggi 17 ottobre 2020, l’Ufficio igiene di Minervino Murge sta effettuando i tamponi rapidi ai bambini della Primaria classe III E del Pietrocola e ai bambini dell’Infanzia sezione F dell’Orto Borrelli, insieme alle maestre ed ai collaboratori interessati dal dispositivo di quarantena.

I genitori dei bambini, al momento, non hanno ricevuto disposizioni di osservanza della quarantena fiduciaria, così come altri congiunti (fratelli e sorelle).

Intanto, altre due classi sono state inserite nel programma di quarantena, la I A e la I B della Scuola Primaria del “Pietrocola” con i rispettivi insegnanti e collaboratori.

Questi ultimi effettueranno i tamponi nella giornata di lunedì 19 ottobre 2020.

La Dirigente dell’Istituto Comprensivo “ Pietrocola-Mazzini”, intanto, ha già predisposto la sanificazione (pulizia e igienizzazione) dell’intero edificio “Pietrocola”.

Al momento i casi affetti da Covid-19, nel nostro paese, risultano 23 .

Siamo in attesa di report aggiornato dalla Prefettura.

Ricordo che il provvedimento di quarantena è disposto dall’ Asl. Evidenzio che in questo momento di criticità, nonostante le strutture sanitarie si stiano adoperando con urgenza e velocità, in considerazione del numero elevato di tamponi da effettuare e le situazioni improvvise che si sono verificate, si registrano ritardi e non sincronia nella comunicazione dei dati ufficiali da diffondere.

Sicuramente sarà opportuno, da parte dell’Asl, la possibilità e la necessità di impiego di un maggior numero di personale in previsione della stagione influenzale che di solito si registra a partire dal mese di novembre.

Pertanto, chiedo ai cittadini di avere pazienza e, soprattutto, di restare calmi.

È un momento molto delicato e dobbiamo cercare di collaborare senza creare panico e allarmismo diffondendo notizie prive di attendibilità.

Si torna a raccomandare il continuo uso della mascherina visto il verificarsi che un cospicuo numero di cittadini, al momento, non ne fa uso.

Nel caso di un aumento dei contagi si renderanno necessari provvedimenti ulteriormente restrittivi a discapito della libertà di movimento e di ingente danno per la già provata economia.

Mi sento vicina a tutti coloro che in questo particolare momento stanno vivendo l’angoscia dell’attesa, dell’isolamento, del ricovero.

Vi abbraccio e invito, nuovamente, all’utilizzo massiccio dei DPI in modo costante, richiamo l’impegno di ciascuno affinchè diventi forza per arginare la pandemia.

Solo prendendo coscienza delle nostre responsabilità possiamo limitare i danni irreversibili della pandemia.

Un nuovo lockdown sarebbe fatale per la nostra comunità.

Ogni ulteriore informativa sarà resa nota al momento in cui affluiranno dati ufficiali da parte delle competenti Autorità".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele Pascalitto ha scritto il 18 ottobre 2020 alle 16:39 :

    Secondo me questo signore Adelio de Ruvo rischia una denuncia pesante. Non capisci che bisogna rispettare la dignità delle persone? Vergognati. Fai un mea culpa di quello che hai scritto. Non ti rendi conto che può colpire chiunque? Abbi rispetto della dignità di queste persone, che non possono assolutamente essere trattate come fossero delinquenti. Rispondi a Michele Pascalitto

  • Adelio de Ruvo ha scritto il 18 ottobre 2020 alle 07:55 :

    Visto l'andamento preoccupante dell'aumento dei casi positivi di covid 19 nella nostra cittadina, non sarebbe il caso di informare i cittadini sulle persone colpite da virus, comunicando nome e cognome dei positivi, dando la possibilità ad amici, conoscenti e cittadini di prevenire eventuali contatti con essi o famigliari di essi, in considerazione del fatto che tutti ci conosciamo in un piccolo paese ? Capisco la privacy ma, la prevenzione, in questi casi è d'obbligo e avere prudenza non significa ghettizzare l'uno o l'altro che sfortunatamente sono stati colpiti dal Virus. !!!!! Rispondi a Adelio de Ruvo