Fine della fuga

Catturato nella notte a Minervino il latitante Aghilar, era evaso dal carcere di Foggia

La fuga del pericoloso fuggitivo di Orta Nova è terminata dopo 142 giorni nella notte quando i militari dell'Arma, nel corso di un blitz, lo hanno catturato a Minervino Murge

Cronaca
Minervino mercoledì 29 luglio 2020
di La Redazione
Il latitante Cristoforo Aghilar
Il latitante Cristoforo Aghilar © L'Attacco

E' stato catturato e arrestato poco dopo l'una di notte a Minervino Murge, il super ricercato e ultimo degli oltre settanta evasi dal carcere di Foggia Cristoforo Aghilar, 37enne di Orta Nova reo confesso dell'omicidio pluriaggravato della madre della sua ex fidanzata Filomena Bruno compiuto il 29 ottobre del 2019, per il quale era stato sottoposto a fermo dal pubblico ministero.

Il 9 marzo scorso, approfittando di una sommossa nella casa circondariale di via delle Casermette, era riuscito a guadagnare la fuga insieme ad un'altra settantina di evasi facendo perdere le proprie tracce. Il nome di Aghilar era comparso anche nell'operazione di carabinieri e polizia che il 27 giugno scorso portò all'arresto di quindici reclusi per le rapine di autovetture compiuto all'esterno del carcere.

La fuga del pericoloso fuggitivo di Orta Nova è terminata dopo 142 giorni nella notte quando i militari dell'Arma, nel corso di un blitz, lo hanno catturato a Minervino Murge e trasferito nella caserma di via Guglielmi a Foggia.

La fuga del latitante , dunque, si interrompe in un casolare nei pressi del Santuario della Madonna del Sabato. Al momento gli inquirenti stanno cercando di far luce su chi abbia aiutato l'uomo a nascondersi per tutto questo tempo.

Lascia il tuo commento
commenti