Le dichiarazioni del Consigliere Comunale

Nobile "Ho sbagliato i toni del post, ma per favore Regione e Asl non lasciateci soli"

​Hanno destato scalpore le parole del consigliere comunale Michele Nobile, il quale tramite un post pubblicato sui profili social ha emesso un “mandato di cattura” nei confronti del Presidente della Regione e del DG ASL BT

Cronaca
Minervino mercoledì 08 aprile 2020
di La Redazione
Michele Nobile
Michele Nobile © MinervinoLive

Hanno destato scalpore le parole “infuocate” del consigliere comunale Michele Nobile, il quale tramite un post pubblicato sui profili social ha emesso un “mandato di cattura” nei confronti del Presidente della Regione - Michele Emiliano e del Direttore Generale dell’ASL Bat - Alessandro Delle Donne. Nobile aveva infatti dichiarato: ”Vi do 16 ore di tempo per sistemare la situazione a Minervino Murge, dopodiché vi verrò a prendere con la forza… e guai a chi si mette avanti!”. Ovviamente il tutto non è passato inosservato e nel giro di poche ore si è accesa la polemica.

Abbiamo contattato il consigliere Nobile, il quale ha precisato il motivo di tale dichiarazione: “Mi rendo conto che un messaggio del genere susciti clamore, ma data la totale assenza di supporto da parte della Regione Puglia e dell’ASL, non ho avuto alternativa. Capisco che una carica istituzionale debba utilizzare un linguaggio appropriato, ma il “politically correct” è morto nel momento in cui le autorità preposte a risolvere l’emergenza scoppiata nella nostra casa di riposo, sono venute meno ai propri obblighi. Ad oggi 08 Aprile, dalla RSSA dell’Ospizio Bilanzuoli sono stati trasferiti nell’ospedale di Canosa alcuni pazienti, i quali fino a qualche giorno fa risultavano negativi al Covid-19. Col passare dei giorni però, non ci è dato sapere se queste persone risultano ancora negative al virus o se purtroppo il loro stato sia mutato.

Successivamente Nobile rincara la dose e denuncia lo stato di disagio in cui versa il personale sanitario delle “Opere Pie Riunite”: “I nostri operatori sono sprovvisti di dispositivi di protezione quali occhiali protettivi, tute, mascherine, disinfettante ecc…; La Regione Puglia e l’ASL dopo tre giorni dall’arrivo dei contagi a Minervino, non hanno ancora provveduto ad inviare personale sanitario per sostituire gli uomini e le donne che, allo stremo delle forze continuano a lottare nei reparti. Ci hanno lasciati completamente soli, in balia degli eventi! Ho come l’impressione che qualcuno ci consideri figli di nessuno e viste le circostanze, più passano le ore e più i miei pensieri diventano certezze. La Regione e l’ASL devono capire che gli operatori sanitari dell’ospizio sono sottoposti a turni massacranti e non riusciamo a garantirne la sicurezza. Stiamo parlando di gente che si sta comportando eroicamente, ma forse gli organi preposti gli hanno etichettati come “eroi minori” e quindi non degni di aiuto. Le ultime informazioni ricevute dicono che i responsabili della struttura sono in contatto con del potenziale nuovo personale, il quale dovrebbe andare a rimpinguare le fila degli operatori purtroppo vessati dalla stanchezza e dal disagio. Ecco il perché dei miei toni esagitati, forse eccessivi, ma di certo utili vista la situazione e visto soprattutto che qualcosa si è iniziato a muovere solo dopo il mio sfogo recepito dagli interessati. Per favore Presidente Emiliano e Avv. Delle Donne, fate di tutto affinché a Minervino non si verifichi quanto successo a Soleto. Vi parlo con il cuore in mano... NON CI ABBANDONATE NEL MOMENTO DEL BISOGNO!"

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • francesco cito ha scritto il 08 aprile 2020 alle 20:53 :

    Bravo sig. Nobile, questi delinquenti che governano la ns regione dovremmo cacciarli a calci. sono solidale con lei. ci hanno tolto tutto e pertanto ci dimenticano, noi a spinazzola siamo peggio di voi e auguriamoci che il vuris non arrvi, e non voglio pensarci....perchè non si sa dove andare, cosa fare se non un ultimo viaggio in ambulanza......è la realtà dig. delle donne sig. emiliano Rispondi a francesco cito

  • MICHELE LIMONGELLI ha scritto il 08 aprile 2020 alle 16:26 :

    In un messaggio alla cittadinanzail nostro sindaco, in una situazione analoga, ci disse che, scoppiato il problema, aveva dato subito comunicazione e chiesto ragguagli al Prefetto e ai Carabinieri. A Minervino è stata seguita questa procedura? Naturalmente io non sono esperto e non conosco la procedura giusta. Rispondi a MICHELE LIMONGELLI