Emergenza Coronavirus

La testa dura dei minervinesi. Multata gente in giro senza motivo da Carabinieri e Polizia Locale

Chiunque circoli sprovvisto dell’autocertificazione sarà comunque sanzionato per violazione delle prescrizioni di cui all’art. 650 c.p. – Violazione dei provvedimenti dell’autorità

Cronaca
Minervino mercoledì 18 marzo 2020
di La Redazione
Controlli dei Cc in Largo Stazione
Controlli dei Cc in Largo Stazione © MinervinoLive

Continuano a fioccare le denunce a carico dei cittadini minervinesi da parte degli uomini della locale stazione Carabinieri e della Polizia Locale. Siamo al 18 Marzo e nonostante i ripetuti appelli lanciati dalle autorità militari e civili, nonostante la continua attività di diffusione in maniera audio itinerante dell’obbligo di restare in casa, i cittadini minervinesi continuano a “non capire”. I militari dell’Arma di concerto con la PL, hanno messo in atto una fitta rete di controlli su tutto il territorio comunale, per mezzo della quale sono state elevate ancora svariate denunce a carico dei trasgressori. Tali forme di controllo continueranno imperterrite e senza sosta.

Si ricorda a tutti i cittadini che è possibile uscire dalle proprie abitazioni solo per comprovate necessità.

Inoltre secondo quanto previsto dall’ultimo DPCM, è fatto obbligo di portare sempre e comunque al seguito il nuovo modello di autocertificazione, in allegato al documento di identità.

Le nuove misure prevedono inoltre, che sul modello di autocertificazione è obbligatorio indicare anche di “non essere attualmente in stato di quarantena”, dichiarazione che le autorità provvederanno ad accertare con l’ASL competente.

Chiunque circoli sprovvisto dell’autocertificazione sarà comunque sanzionato per violazione delle prescrizioni di cui all’art. 650 c.p. – Violazione dei provvedimenti dell’autorità.

Invitiamo pertanto tutti i cittadini minervinesi ad uscire di casa solo per esigenze concrete, ricordando che la diffusione del virus potrà essere stroncata solo se tutti noi facciamo la nostra parte, ovvero rispettare gli obblighi imposti dalle autorità.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesco Renzo ha scritto il 30 marzo 2020 alle 09:01 :

    Ciao ma le ammende (non multe) le elevate? Cioè ... a Bari sono state elevate ammende (non multe) da 3000Euro. Ne basterebbero due o tre a Minervino per convincere la gente a stare in case Rispondi a Francesco Renzo

  • F.sco Santomauro ha scritto il 21 marzo 2020 alle 09:26 :

    Dice bene in un brano dei Litfiba " non è la fame, ma è l'ignoranza che uccide" Rispondi a F.sco Santomauro

  • sabina cellamare ha scritto il 20 marzo 2020 alle 18:31 :

    Come mai alla dok di minervino fanno entrare persone senza mascherina stasera ne e entrato un ragazzo tutto tranquillo fregandosene di tutti spero che chi e responsabile non lo permette . Rispondi a sabina cellamare

  • Mazzoccoli Angela ha scritto il 18 marzo 2020 alle 17:59 :

    Purtroppo viviamo in un paese in cui vige l'ignoranza. Oggi mentre uscivo di casa "purtroppo" e dico purtroppo perché vorrei stare con i miei due figli di 4 anni e di 14 mesi a casa, invece devo uscire per lavorare nello studio medico in cui lavoro e ci devo andare per forza, mentre imbocco via di vittorio non incontro una cretina con le cuffie nelle orecchie che tranquillamente andava a correre. Ma qua non si rendono conto di quello che stà succedendo, non abbiamo ospedali non abbiamo posti in terapia intensiva e qui scherziamo. Ma correte da un balcone all'altro smettetela. State a casa. State a casa se non per lavoro o per necessità restate a casa!!!!!! Basta!!!!!! Rispondi a Mazzoccoli Angela

  • Tina lorusso ha scritto il 18 marzo 2020 alle 15:39 :

    L’ignoranza esiste ovunque dal nord al sud paesi e città, nn hanno capito che questo virus nn ti avvisa è un perfetto fantasma e colpisce tutti, giovani anziani ricchi poveri. Ma la cosa che preoccupa sono i posti negli ospedali quella è l’emergenza assoluta, state a casa godetevi quello che nn riuscite a fare quando nn ci siete. Rispondi a Tina lorusso

  • francesco cito ha scritto il 18 marzo 2020 alle 13:57 :

    perchè non guardano in faccia a nessuno, mentre qui a Spinazzola, e mi duspiace dirlo, prima di fare una contravvenzione, devono fare l'identikit. (chi sei e a chi appartieni) Rispondi a francesco cito

  • Michele Pascalitto ha scritto il 18 marzo 2020 alle 13:49 :

    Oggi in piazza quasi una decina di persone in prossimità della statua di Bovio, a scambiare chiacchiere. Alcuni di loro stavano bevendo una birra. UNA VERGOGNA , nn c'è per niente rispetto per le persone più a rischio del nostro paese e in generali per tutti quelli che invece fanno il loro dovere. Nn se ne può più. Chi seduto ai gradini, chi a fumarsi le sigarette . VOGLIAMO QUESTA GENTE IN GALERA E BASTA. BASTA con questi IGNORANTONI. NON SE NE PUÒ PIÙ. SI PRENDANO DELLE INIZIATIVE PIÙ PESANTI E DRASTICHE. Per non parlare della gente che insieme va facendo footing giù alla zona stazione o sulla ex R6....MA questa gente si crede ONNIPOTENTE? SONO PROTETTI? UNA VERGOGNA ASSOLUTA SENZA PRECEDENTI. GALERA. Rispondi a Michele Pascalitto