Sotto la lente dei controlli sono finite le autorizzazioni per la raccolta in area parco

Raccolta dei tartufi, proseguono i controlli dei carabinieri forestali

Diverse le irregolarità riscontrate. Elevate sanzioni amministrative mentre permane il divieto di raccolta nel Parco dell’Alta Murgia

Cronaca
Minervino venerdì 15 febbraio 2019
di La Redazione
Raccoglievano tartufi con tesserini falsi, tre persone denunciate dagli Agenti della Forestale
Raccoglievano tartufi con tesserini falsi, tre persone denunciate dagli Agenti della Forestale © n.c.

Proseguono le attività di controllo dei Carabinieri Forestali del Reparto Parco Alta Murgia e delle Stazioni di Ruvo, Gravina, Altamura e Andria al fine di verificare la liceità delle attività di raccolta dei tartufi su tutto il territorio murgiano.

Quello del prelievo del pregiato tubero è un fenomeno che negli ultimi tempi ha registrato una crescita esponenziale calamitando sulla Murgia numerosi ricercatori provenienti dalle regioni limitrofe attratti dalla prelibatezza ma anche dagli ottimi guadagni offerti dal mercato.

Sotto la lente dei controlli sono in primis finite le autorizzazioni per la raccolta in area parco dove in aggiunta al tesserino rilasciato dalla “Città Metropolitana”, è necessario possedere lo specifico nulla-osta dell’Ente, gestito a numero chiuso e prefissato di raccoglitori, il cui iter di rilascio per la presente stagione è “sospeso” a seguito di un contenzioso amministrativo ancora in via di definizione. Allo stato pertanto, mancando il titolo abilitativo dell’Ente Parco, la raccolta dei tartufi all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia non è consentita.

Attenzionate anche le modalità di ricerca e raccolta del tubero che devono essere “tecnicamente corrette” secondo le previsioni di legge, quali specie, dimensioni, strumenti e periodi di raccolta, il tutto al fine di reprimere prelievi inidonei e così tutelare in sito, le tartufaie.

Diversi gli illeciti amministrativi accertati per un totale di euro 10.000 di sanzione.

Lascia il tuo commento
commenti