Facciamo il punto

Differenziata, i risultati e le prospettive dopo un anno dall’inizio del servizio

Abbiamo intervistato Luciano Vasienti, responsabile dell’azienda Raccolio, per una valutazione della raccolta a Minervino

Attualità
Minervino mercoledì 24 giugno 2020
di La Redazione
Vecchio bidone dei rifiuti
Vecchio bidone dei rifiuti © MinervinoLive

Esattamente un anno fa i minervinesi cambiavano una loro importante abitudine di vita. Sparivano i cassonetti all’interno della città e i rifiuti si tengono in casa accumulati nei vari fustelli della raccolta differenziata. Una rivoluzione che i minervinesi attendevano da anni, giunta dopo la risoluzione del contezioso con la precedente ditta TRADECO da parte dell’Amministrazione Comunale. A seguito di varie inadempienze, il servizio è stato temporaneamente gestito da una azienda municipalizzata, l’ASIPU, e successivamente affidato tramite regolare gara di appalta svolta dall’ARO all’azienda RACCOLIO.

Ad un anno dall’inizio della differenziata spinta porta a porta abbiamo intervistato il responsabile dell’azienda Raccolio a Minervino, il sig. Luciano Vasienti, che ringraziamo per la cortese disponibilità.

Come possiamo valutare questo primo anno di raccolta differenziata a Minervino?

“Assolutamente positivo! La nostra azienda è partita con il servizio a Marzo 2019 e la differenziata a Minervino era a circa il 17%. Dopo soli 3 mesi il 24 Giugno 2019 abbiamo iniziato la raccolta spinta, dopo averla progettata insieme all’Amministrazione. Siamo andati oltre ogni più rosea aspettativa, considerando la difficoltà di un paese con vicoli non carrozzabili, scale, rampe, popolazione anziana. Abbiamo trovato una cittadinanza preparata al cambiamento e sono davvero contento di come sono andate le cose”.

Può fornirci alcuni dati aggiornati? Abbiamo raggiunto gli obiettivi previsti?

“Come detto siamo partiti da un 17% che collocava Minervino molto indietro rispetto agli altri Comuni. Vi è stato un boom nei primi mesi dove siamo andati oltre l’80%, sino a giungere a settembre al picco di 83,40%. Successivamente vi è stato un calo fisiologico nei mesi invernali. Attualmente ci siamo attestati su una media che va oltre il 75%. Sono risultati molto positivi che si pongono oltre la soglia stabilita per legge e da contratto comunale che è il 67%, dopo solo il primo anno. Dopo aver vinto il premio come migliore start up sono sicuro che quest’anno il Comune vincerà il premio come comune riciclone perché si sta lavorando molto bene. Ma vogliamo fare di più. Abbiamo dimostrato che possiamo andare oltre l’80% e la nostra ambizione è giungere a quel risultato in modo stabile”.

La sperimentazione organizzativa possiamo considerarla come definitiva, oppure ci saranno cambiamenti?

“No, vogliamo apportare dei cambiamenti nel calendario del conferimento settimanale per le utenze domestiche. In un comune che supera tranquillamente il 75% non ha senso avere una doppia turnazione settimanale di raccolta dell’indifferenziato. Questa modifica l’abbiamo sottoposta al vaglio dell’amministrazione e stiamo decidendo insieme un nuovo calendario settimanale, dove ad esempio potremmo aumentare i giorni per la plastica, che è il rifiuto in volume più conferito rispetto agli altri. Notiamo il giovedì mattina che il bidoncino fucsia non basta per contenere tutta la plastica settimanale. Questa modifica la vogliamo fare perché riteniamo che si può fare di più e possiamo toccare cifre ancora più alte per essere tra i primi comuni pugliesi, un traguardo a portata di mano che credo interessi tutti.

Per quanto riguarda l’incremento di cestini per strada, nuovi kit, isole ecologiche è in previsione qualche intervento?

“La nostra azienda ha fornito quanto doveva per contratto sia per i kit che per i cassonetti esterni. Sono a conoscenza del fatto che l’Amministrazione si doterà a breve di nuovi kit e intende installare cestini differenziati per le vie principali cittadine. Per quanto riguarda il Centro Comunale di Raccolta continuerà a funzionare quello presente in zona industriale in attesa che iniziano i lavori per i finanziamenti ottenuti per la realizzazione del nuovo CCR. Ad oggi il nostro centro è aperto ancora con prenotazione a causa delle restrizioni del Covid”.

Infine il ringraziamento “Ci tengo particolarmente a ringraziare tutti gli operatori ecologici della Raccolio a Minervino. Hanno dato il massimo impegno per far crescere la loro comunità e ogni giorno ricevo attestati di stima per il loro lavoro. Sono ragazzi che davvero mostrano un amore per il loro lavoro e offrono grande disponibilità ai cittadini e all’Amministrazione perchè sanno che da loro dipende la cura della città e di questo ne sono fiero”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe S. ha scritto il 25 giugno 2020 alle 04:31 :

    Speriamo ora che con questi risultati(e d elogi da parte del responsabile della su detta azienda)arrivino i fatti e cioe che l'amministrazione mantenga l'impegno a far si la diminuzione della tassa sui rifiuti(come appunto ci era stato detto)grazie. Rispondi a Giuseppe S.