Fase 2

Troppi assembramenti e persone in giro senza mascherina, la Sindaca convoca una riunione urgente

Nonostante gli incessanti interventi dei CC e della Polizia Locale, ci sono sempre i classici furbi che ritengono di poter fare i propri comodi ignorando totalmente le disposizioni

Attualità
Minervino mercoledì 20 maggio 2020
di La Redazione
Faro votivo Minervino Murge
Faro votivo Minervino Murge © MinervinoLive

Così come era facile ipotizzare l’avvio della “fase due” determinata dal nuovo decreto del Presidente Conte, è stata erroneamente interpretata da molti come un “liberi tutti”. In queste prime ore di parziale ritorno alla normalità, anche a Minervino si intravedono gli effetti dell’incoscienza di alcuni cittadini.

In particolare la villa faro e gli altri spazi aperti del Comune sono stati presi d’assalto in questi giorni che precedono l’arrivo dell’estate, diventando ritrovo abituale per coloro che cercano un modo come un altro per trascorrere la serata in compagnia. Situazione fin qui abbastanza comprensibile ed accettabile se tutti facessero la propria parte, ovvero il rispetto della distanza sociale di almeno un metro e l’indossare la mascherina.

Registriamo purtroppo che alcuni noncuranti minervinesi sono convinti che la situazione d’emergenza sia scomparsa da un giorno all’altro, dando vita ad assembramenti fuorilegge, il tutto coordinato da una generalizzata assenza di mascherine protettive.

Alla luce di quanto esposto, le autorità competenti stanno correndo ai ripari. È stata infatti convocata per domani 21 Maggio la riunione del C.O.C. (Centro Operativo Comunale), nell’ambito della quale verranno discusse delle misure di intervento per arginare il dilagante fenomeno.

Nonostante gli incessanti interventi dei Carabinieri e della Polizia Locale che presidiano in larga scala tutto il territorio, ci sono sempre i classici furbi che ritengono di poter fare i propri comodi ignorando totalmente le disposizioni di legge. Dobbiamo purtroppo constatare che i principali trasgressori sono i ragazzi all’interno della fascia d’età tra i 12 e i 20 anni, protagonisti di assembramenti diffusi, con la presenza di gruppi di anche 10 unità e a volte con la totale assenza di mascherine. In relazione a questi ultimi è dovere morale dei genitori sensibilizzarne il rispetto delle leggi, vigilando attentamente sul comportamento e al contempo non consentire uno stile di vita dissoluto e menefreghista.

Ricordiamo inoltre che gli stessi esercenti delle attività commerciali sono tenuti anch’essi ad indossare i DPI, pretendendone l’utilizzo da parte della clientela, vigilando sul rispetto delle norme nei propri locali ed intervenendo in prima persona in caso di inottemperanza. In caso contrario infatti, oltre alle sanzioni pecuniarie è prevista ai sensi di legge la proposta di chiusura dell’esercizio per almeno un mese. È doveroso quindi invitare tutti i minervinesi ad adottare atteggiamenti consoni alla situazione in essere, mantenendo le distanze ed indossando nei casi richiesti le mascherine protettive, altrimenti uscire da questa fase e tornare alla normalità sarà sempre più difficile… dipende tutto da noi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Felice Mastronzo ha scritto il 21 maggio 2020 alle 12:10 :

    Per arginare questo fenomeno si spera che la Sindaca fa intervenire l'esercito anche a Minervino e dà l'ordine di sparare a vista a tutti quelli che escono di casa senza autorizzazione Rispondi a Felice Mastronzo

  • Anonimo ha scritto il 20 maggio 2020 alle 18:26 :

    Sindaco sigilla il faro che è la miglior cosa al momento da fare Rispondi a Anonimo