Mondo del lavoro

Furti al Pronto Soccorso, il direttore dell'Asl: "Chi sbaglia paga"

Delle Donne, Asl/BT: "Profondamente rammaricato"

Attualità
Minervino martedì 11 febbraio 2020
di La Redazione
Alessandro Delle Donne
Alessandro Delle Donne © nc

"Sdegno, è questo il sentimento che provo per quanto accaduto", così Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt commenta la notizia dell'arresto effettuato da parte del Commissariato della Polizia di Andria di un ausiliario della SanitàService, accusato di furto ai danni di pazienti del Pronto Soccorso.

"La Asl Bt e la SanitàService si costituiranno parte civile - continua Delle Donne - quello che è accaduto ha dell'inaudito e lede l'immagine aziendale e il lavoro di tutti i nostri dipendenti e dei dipendenti della SanitàService che ogni giorno, tra mille difficoltà, fanno il loro lavoro con dedizione e naturalmente nel rispetto della legge".

"Sono profondamente rammaricato per i pazienti che in un momento di difficoltà e di sofferenze invece che essere tutelati sono stati derubati - aggiunge Delle Donne - naturalmente attendiamo l'esito del procedimento giudiziario, ma avvieremo subito il procedimento disciplinare le cui conseguenze saranno parametrate sulla gravità di quanto accaduto. Deve essere chiaro che chi sbaglia, paga".

"Ringrazio a nome mio e di tutti i dipendenti la Polizia per il lavoro di indagine svolto - conclude Delle Donne - restiamo a loro completa disposizione perché i luoghi della sanità meritano la massima tutela e quello che vogliamo assicurare ai cittadini e ai pazienti è la garanzia di sicurezza, alla base di ogni processo di presa in carico e di cura".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Anna Maria matone ha scritto il 11 febbraio 2020 alle 17:06 :

    Che vergogna!!! Persona con un lavoro sicuro,che al giorno d'oggi è raro da avere, sicuramente non lavorava visto che aveva tempo di rubare e sono convinta che potrebbe essere anche un raccomandato! Peccato che può essere anche riassunto/a! Rispondi a Anna Maria matone