La cittadinanza onoraria

Torpedine e Il Volo a Minervino, conferita la cittadinanza onoraria

Il Consiglio Comunale all’unanimità concede la benemerenza, presenti autorità civili, politiche ed ecclesiali, ma salta l’esibizione canora

Attualità
Minervino sabato 27 luglio 2019
di La Redazione
Cittadinanza onoraria a Michele Torpedine
Cittadinanza onoraria a Michele Torpedine © Vincenzo Rana

Si è svolto questa mattina il Consiglio Comunale per il conferimento della cittadinanza onoraria al produttore musicale di origini minervinesi, Michele Torpedine. Oltre ai consiglieri comunali presenti il Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi, la senatrice Angela Bruna Piarulli, il consigliere regionale Francesco Ventola, il presidente della Provincia BAT, Pasquale De Toma, oltre ai famigliari di Torpedine. Ma gli ospiti tanto attesi sono stati i tre giovani tenori de “Il Volo”: Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble.

La seduta si è svolta alla presenza di tanti cittadini che hanno voluto accogliere il famoso minervinese al quale sono stati rivolti i saluti da parte della Sindaca, del gruppo di minoranza, per il quale è intervenuto il consigliere Michele Melacarne, e della maggioranza, con il discorso dell’Assessore al Turismo, Massimiliano Bevilacqua. Sono poi seguiti i saluti del presidente della Pro Loco , ing. Giuseppe Tucci, che ha ricordato la vita e i successi del produttore artistico. I saluti istituzionali sono provenuti anche dalle autorità presenti, e da ultimo da una rappresentante della famiglia di Michele Torpedine a Minervino. E infine non poteva mancare l’intervento dei tre cantanti che hanno preso parte alla cerimonia entusiasmando l’assemblea presente, provata dal grande caldo.

All’unanimità i consiglieri hanno conferito la cittadinanza onoraria con l’auspicio che questo rapporto possa essere fecondo con la nostra cittadina. Diversi doni sono stati offerti al cittadino onorario perché possa sempre tenere Minervino nel suo cuore. Purtroppo per motivi di tempo è saltata l’esibizione canora de Il Volo, per i quali si era preparata la banda e alcuni tenori locali hanno comunque realizzato alcuni pezzi di musica classica.

Cittadini comunque entusiasti per aver potuto salutare e vedere da vicino i loro beniamini, che sono rimasti a pranzo a Minervino per conoscere il lato più genuino della nostra città. Ci auguriamo che per Michele Torpedine e Il Volo questo non sia stato un semplice saluto, ma un arrivederci per magari godere di una perfomance musicale di alto livello nella nostra città. Le premesse ci sono tutte…

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe De Ruvo ha scritto il 29 luglio 2019 alle 08:51 :

    Condivido il commento precedente. Solo spreco di risorse pubbliche e un altro modo per dare visibilita' alla sindaca dopo I danni fatti a Minervino come la voluta distruzione del campo erboso dello stadio, il sequestro delle sedie in villa faro e un rifacimento delle strade cittadine ( grazie a un finanziamento di Salvini) quanto mai discutibile e sbagliato. Rispondi a Giuseppe De Ruvo

  • Anna Maria matone ha scritto il 28 luglio 2019 alle 16:34 :

    D'accordo con il commento della signora Giorgio,aggiungo pure che il sig. Torpedine con il guadagno del suo libro che ha anche pubblicizzato a Minervino finanzia un'ospedale di Bologna.Ognuno è libero di fare quel che vuole con i propri soldi,ma allora perché i nostri amministratori usano i nostri per fare banchetti per il sig Torpedine? poi stranamente il gruppo musicale non ha avuto tempo di esibirsi...ma per favore!!!!! Rispondi a Anna Maria matone

  • Maria Vincenza Giorgio ha scritto il 27 luglio 2019 alle 20:21 :

    Il conferimento della "cittadinanza onoraria" al sign. Torpedine io sinceramente, non riesco a capirla. Cosa ha fatto questo signore di tanto importante? Cosa ha fatto per il suo Paese? Questo signore fa l'agente e guadagna bene, buon per lui. Nient'altro. Credo che la cittadinanza onoraria sia una cosa seria, da dare a chi si sia distinto nel campo culturale, scientifico e sociale. Rispondi a Maria Vincenza Giorgio