La rappresentazione

Passione Vivente, grande successo per la 7^ edizione

​Resa possibile tramite il gruppo parrocchiale della cattedrale, il cast si è espanso, racchiudendo numerosi personaggi, interpreti, attori principali che non si sono risparmiati nel dare il meglio delle loro competenze e capacità

Attualità
Minervino mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
Passione Vivente 2019
Passione Vivente 2019 © Andrea Guerriero

Siamo giunti al termine della settima edizione della Passione Vivente minervinese e i responsi positivi sono innumerevoli. Bellezza, partecipazione attiva dei cittadini, drammaticità e felicità messe insieme. Resa possibile tramite il gruppo parrocchiale della cattedrale, il cast si è espanso, racchiudendo numerosi personaggi, interpreti, attori principali che non si sono risparmiati nel dare il meglio delle loro competenze e capacità.

Primo fra tutti Paolo Castrovilli, il nuovo Gesù che ha vissuto le prove e gli sceneggiati in maniera impeccabile: calma, gentilezza, dedizione e umiltà hanno fatto di lui il capostipite di un gruppo di persone, umanamente parlando, appassionate e appassionanti. A rendere il tutto ancora più suggestivo è stato lo svolgimento della storia che si è snodata su un percorso completamente rinnovato: le vicende, difatti, si sono espletate dapprima a San Michele e, salendo, al Vittorino, in tutto il Faro con l'encomiabile rappresentazione di Pilato sulla scalinata del monumento Faro, fino a giungere al di sotto del largo Brodolini, spiazzale naturale, cornice di una bellezza commovente e realistica.

A seguire passo passo i nostri attori vi sono stati 4 registi di grande maestria ed esperienza: Nella Angiulo, Franca Leporiere, Franco Vania Tricarico e Adele Angiulo, a cui vanno i nostri calorosi complimenti. Non meno importante è stato il ruolo di don Angelo Castrovilli, centro nevralgico dell'evento, che è intervenuto a fine Passione dicendo: "Ricordiamo due amici della Passione che adesso contemplano Gesù faccia a faccia, il piccolo Francesco Villano e la cara Titina Matarrese. Ringrazio gli attori che hanno dato vita all'evento più grande della storia della salvezza, la Passione di Cristo" e soprattutto l'interprete principale della rappresentazione, Paolo Castrovilli nelle vesti di Gesù.

Grazie per "la precisione, la serietà, l'interpretazione di Cristo così umana, realistica e vicina a noi. Ringrazio i numerosissimi figuranti, chi ha curato la scenografia, la sartoria, il trucco curato da Francesca Lorusso, il coro Apulia Cantat, Mariacristina Santomauro per alcuni momenti coreografici, l'amministrazione comunale e agli sponsor per il contributo economico all'evento.

Molti altri ringraziamenti vanno chi è stato l'asse portante di tutto: la regia, nelle persone di Franca Leporiere, Nella Angiulo, Adele Angiulo e Francesco Vania Tricarico, sulle cui spalle si è poggiata interamente la Passione Vivente per pensare, scegliere, progettare, trovare soluzioni, seguire ogni giorno le prove fino a ora tarda". Che dire: la Passione Vivente è sempre un momento di forte aggregazione e commozione.

La piccola realtà minervinese, in questi eventi, allarga gli orizzonti e riempie i cuori, toccando le corde più profonde dei credenti e mettendo in discussione i sentimenti di chi non vive, questi istanti, in maniera religiosa. Il gruppo della Passione ringrazia Andrea Guerriero e il suo staff per i bellissimi scatti: hanno immortalato l'evento, in tutta la sua bellezza, con professionalità e disponibilità. È doveroso fare un ringraziamento speciale a chi ha vissuto questa esperienza dietro le quinte: le sarte, chi si è occupato della scenografia, della distribuzione della corrente, del servizio d'ordine, del trucco realistico realizzato da Francesca Lorusso.

Colmi di entusiasmo disinteressato, lodevoli per la cura del dettagli e della bellezza dell'evento, sono loro le colonne portanti della Passione. Non ci resta che aspettare l'anno prossimo per scoprire, ancora una volta, le succulente novità che ci porterà l'ottava edizione della Passione Vivente.

Lascia il tuo commento
commenti