La cerimonia di conferimento per i 50 e i 60 anni di professione forense è fissata per il prossimo 16 giugno nella Biblioteca Storica del Consiglio dell’Ordine

Toga d’Oro e di Platino per gli avvocati che hanno scritto la storia della Giustizia a Trani

Un momento in cui una vita intera spesa al servizio della Giustizia viene celebrato da tutti i colleghi che in cuor loro ambiscono a ripercorrere la carriera di questi maestri di vita

Attualità
Minervino martedì 14 giugno 2022
di La Redazione
Toga da avvocato
Toga da avvocato © n.c.

È uno degli appuntamenti più sentiti dall’intera classe forense transe: la cerimonia di Conferimento della “Toga d’Oro” per gli avvocati che esercitano la professione da cinquanta anni e la “Toga di Platino” per chi ha raggiunto addirittura i 60 anni di impegno professionale. Un momento in cui una vita intera spesa al servizio della Giustizia viene celebrato da tutti i colleghi che in cuor loro ambiscono a ripercorrere la carriera di questi maestri di vita. 

Un appuntamento che è stato sospeso per due anni a causa della pandemia e che ora torna prepotentemente all’attenzione degli Avvocati del Foro di Trani con la cerimonia fissata per il prossimo giovedì 16 giugno, nelle prestigiose sale della Biblioteca Storica dell’Ordine degli Avvocati in piazza Sacra Regia Udienza 9 a Trani. 

Ne danno notizia il Consigliere Segretario Paola Nasca ed il Presidente del Consiglio dell’Ordine Tullio Bertolino.

Sarà un momento importante per stringersi attorno a professionisti che hanno scritto pagine memorabili della professione forense di Trani. 

La “Toga d’Oro” sarà conferita agli avvocati: Oronzo Amato,Nicola Calvani, Luigi De Benedittis, Nicola De Simola,Domenico Di Terlizzi, Luigi Gagliardi, Sergio Gentile, Nicola Larosa, Bruno Pietro Logoluso, Biagio Lorusso, Luciano Mascolo, Francesco Piccolo, Pasquale Tolomeo e Giuseppe Nicola Tota.

La “Toga di Platino”, invece, sarà conferita agli avvocati: Enrico Alvisi, Michele Vittorio Anelli, Savino Antonio Musti, Francesco Saverio Bonifacio Pansini e Giuseppe Torelli.

Lascia il tuo commento
commenti