Le dichiarazioni

Vaccino, Lopalco: «Rallentamento nella somministrazione a causa del taglio della Pfizer»

L'Assessore regionale alla Sanità: «Lunedi arriveranno in 23 box di vaccino pari a circa 27.000 dosi. In questo modo la Puglia sarà risarcita del differenziale in meno ricevuto questa settimana»

Attualità
Minervino mercoledì 20 gennaio 2021
di la redazione
L'Assessore regionale alla Sanità, Lopalco
L'Assessore regionale alla Sanità, Lopalco © AndriaLive

Sul taglio del rifornimento delle dosi del vaccino Pfizer l’Assessore regionale alla sanità Lopalco, ieri in visita al “Bonomo”, ha dichiarato: «purtroppo non abbiamo buone notizie. La Pfizer, che è l’unica in questo momento produttrice e distributrice di un vaccino anti Covid aveva già annunciato per questa settimana un taglio che, se fosse rimasto tale, sarebbe stato poco preoccupante. Ma l'altro giorno è arrivata la cattiva notizia che questo taglio nelle dosi continuerà probabilmente anche nelle prossime settimane.

Quindi il commissario Arcuri sta lavorando sia con i contatti europei per cercare di limitare al minimo questo taglio nella distribuzione sia per ripartire all’interno delle regioni le dosi sulla scorta anche di quello che non è stato consegnato perché non solo non hanno consegnato ma non hanno consegnato in maniera proporzionale, quindi magari ci sono delle regioni che hanno ricevuto ancora di meno di quello che avrebbero dovuto ricevere.

Siamo al lavoro h24 per cercare di ripristinare la situazione ma necessariamente, purtroppo, c’è da dire che questo taglio da parte di Pfizer porterà a un rallentamento nelle operazioni di vaccinazione.

Lunedi 25 gennaio arriveranno in Puglia dalla Pfizer-Biontech  23 box di vaccino contro il Covid-19 Comirnaty, pari a circa 27.000 dosi. In questo modo la Puglia sarà risarcita del differenziale in meno ricevuto questa settimana. Grazie alla scorta del 30% che prudentemente è stata accantonata nei nostri magazzini e con questo parziale ristoro, le vaccinazioni della fase 1, sia pur con qualche rallentamento, comunque continueranno nonostante  il taglio nelle consegne unilateralmente deciso da parte di Pfizer.

Speriamo nel vaccino Astra-Zeneca che dovrebbe essere autorizzato il 29 gennaio di cui sono già pronte 28milioni di dosi pronte per partire per l'Italia».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 22 gennaio 2021 alle 21:19 :

    La crisi dei vaccini è grave e oscura, la Regione tenta di minimizzarla invano. Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 22 gennaio 2021 alle 09:17 :

    Solo uno scaricabarile, loro hanno fatto più vaccinazioni del dovuto per dimostrare di essere bravi e in questo momento mancano i vaccini per i richiami e per gli anziani over 80. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 21 gennaio 2021 alle 11:35 :

    Di fatto dei rapporti tra la Pfizer e l'Ue, lo Stato e le Regioni non sappiamo assolutamente nulla. I contratti sono secretati insieme ai costi e alle modalità e ai tempi di fornitura. A noi arrivano soltanto informazioni marginali. Rispondi a Franco