Elezioni Politiche 2018

Politiche, a Minervino M5S al 37,62%, centrodestra al 35,06, centrosinistra al 22,84

Il Movimento grillino non sfonda come nel resto della Puglia, solo 478 voti per la lista in cui era anche candidata la Mancini, sorpresa Lega con 354 voti

Politica
Minervino martedì 06 marzo 2018
di La Redazione
Un seggio elettorale
Un seggio elettorale © MinervinoLive

Chiuse le urne è tempo di valutazioni. Fari accesi sul Quirinale che avrà l’arduo compito di sondare possibili soluzioni di Governo dopo l’esito di un voto che di fatto non sancisce la vittoria di nessuno. A rivendicare l’incarico sono la coalizione di centrodestra con Salvini incoronato candidato premier dopo aver vinto la sfida interna della premiership, che ha ottenuto la maggioranza relativa dei voti, ma non ha la maggioranza dei seggi alle due Camere. Dall’altra parte il Movimento 5Stelle che si classifica come primo partito nazionale ben distante dagli altri, con la proposta del Governo guidato da Luigi Di Maio, ma che, ancor più della coalizione di centrodestra, sono distanti dalla soglia di maggioranza nei seggi di Camera e Senato. Staremo a vedere.

Riducendo la prospettiva nella nostra città osserviamo che Minervino si distanzia dal trend nazionale e regionale su due fenomeni. Il primo riguarda il M5S che vince la partita ma non in maniera roboante come è accaduto nel Sud e in particolare in Puglia: se infatti la media di voti in percentuale nella nostra Regione è stata del 45%, a Minervino i pentastellati si fermano al 37,62 con 1744 voti. Risultato lusinghiero, ma ancora distante nel poter determinare un cambiamento di rotta nella politica cittadina. Il secondo dato di controtendenza è il 10,59% raccolto da un partito minore del centrodestra, NOI CON L’ITALIA-UDC, che a livello nazionale si attesta invece sull’1,5%. Ad influire su questo dato è stata la presenza in lista della Sindaca Maria Laura Mancini, che seppur in quarta posizione, era l’unica minervinese in lizza per questa tornata elettorale. Se in termini percentuali il risultato può essere confortante, rispetto alla debacle della quarta gamba a livello nazionale, la stessa valutazione non può essere fatta in valori assoluti: infatti solo 478 elettori hanno seguito le indicazioni politiche della prima cittadina.

Per il resto dati più o meno in linea con il trend nazionale, dove spiccano i 354 voti ottenuti dalla Lega pari al 7,82% dei voti di lista. Completano la coalizione di centrodestra Forza Italia con il 13,01% e Fratelli d’Italia con il 4,08%. Anche a Minervino il PD scende sotto le consuete soglie di consenso, raggiungendo con 913 voti il 20,17% , risultato da ritenersi positivo se paragonato alla media dei Comuni limitrofi.

Nel nostro collegio vengono eletti per l’uninominale Nunzio Angiola (M5S) alla Camera e Angela Piarulli (M5S) per il Senato. Si attendono ancora i dati definitivi per avere i nomi degli eletti con il proporzionale.

Lascia il tuo commento
commenti