Lavori pubblici e vita in comune

Attivisti 5 Stelle Minervino: "Si adegui il cinema per creare spazi per le associazioni teatrali"

M5S: "Tralasciando il fatto che la predisposizione per le manifestazioni teatrali andrebbe introdotta ex novo, crediamo che offrire a tutte le compagnie teatrali la giusta location sarebbe stato il modo migliore per supportarle"

Politica
Minervino giovedì 13 aprile 2017
di La Redazione
Ex Cinema Moderno © n.c.

«Molte volte ci siamo interrogati circa le potenzialità ricreative e culturali che le associazioni teatrali presenti nel nostro territorio possiedono. Il quesito che preme sollevare è: in che modo l’amministrazione supporta lo sviluppo di tali attività?» E’ questo quello che si chiedono gli attivisti del Movimento 5 stelle di Minervino circa l'inadeguatezza dei luoghi utilizzati per le rappresentazioni teatrali.

«Nello specifico, - proseguono gli attivisti - in un periodo vuoto di luoghi di interesse e scarico di appuntamenti, grazie alla creatività e alla forza di volontà delle compagnie teatrali minervinesi si è riuscito ad arricchire il calendario invernale con spettacoli divertenti, riflessivi e curati nei minimi particolari. Partecipando ai suddetti appuntamenti, una domanda nasce spontanea: “E se gli stessi spettacoli fossero stati svolti all’interno di una struttura perfetta come un cinema/teatro piuttosto che in luoghi tutt’altro che ospitali per questo tipo di manifestazioni?” »

«Tuttavia - affermano - siamo a Minervino Murge, e come sempre bisogna fare i conti con la realtà. Perché a fronte di 1.000.000 € (un milione di euro) circa spesi per il "Recupero funzionale dell’immobile comunale ex Cinema Moderno", a conti fatti, la situazione è demoralizzante. Presupponendo i problemi tecnici che già hanno portato lo stesso a non entrare mai in funzione, e tralasciando il fatto che la predisposizione per le manifestazioni teatrali andrebbe introdotta ex novo, crediamo che offrire a tutte le compagnie teatrali la giusta location sarebbe stato il modo migliore per supportare il promulgarsi di manifestazioni culturali al fine di introdurre le buone pratiche nel contesto nostrano».

«Ma ciò accade in una Minervino utopica. Nella realtà - continuano i pentastellati - abbiamo una struttura distrutta e che forse non vedrà mai la luce poiché minacciata da giovani vandali che, ad oggi, ne escono impuniti nonostante il danno arrecato ad un bene comune e che ancora ci fa interrogare sul perché sia stato possibile un così facile accesso a dei ragazzini. Un’opera da un milione di euro non richiede forse di essere sorvegliata adeguatamente? Tale punto lascia più che perplessi se si pensa che il Cinema in questione si trova nel centro del nostro Paese. Quindi, se ad oggi pensiamo che le persone meritevoli si adattano al fine di portare avanti attività che fanno solamente il bene alla nostra comunità, mentre delinquenti e contravventori si cullano nell’impunità e continuano ad arrecare minacce alla funzionalità dei beni comuni (quella del Cinema non è certo la prima, basti ricordare la situazione del Palazzetto dello Sport), solleviamo dei dubbi circa la vivibilità nel nostro Paese».

«Noi crediamo - infine - che bisogna cominciare a contrastare questo modo anarchico di vivere, altrimenti chi ne risente saranno sempre e solo i cittadini onesti. Concludiamo chiedendo a nome di tutti i minervinesi stanchi delle solite bugie: "Qual è il punto della situazione sul cinema, verrà mai ripristinato e reso funzionale ed agibile? E nei confronti di chi lo ha ridotto in misere condizioni sono state avviate le adeguate misure? Quindi, quali sono le azioni poste in essere per risarcire la comunità del danno che è stato arrecato? Quali erano le azioni poste a tutela di un bene da un milione di euro? È stato mai sorvegliato o era già abbandonato a se stesso?" Minervino attende fatti e risposte».

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette