Tagli nei trasporti

​L'assessore Nobile "Si eviti la soppressione della corsa diretta per Bari"

Da lunedì prossimo non partirà più il bus Stp diretto per Bari delle 7.30

Attualità
Minervino giovedì 07 giugno 2018
di La Redazione
Bus Stp
Bus Stp © n.c.

Ritorna sempre di attualità la situazione dei pendolari a Minervino e Spinazzola. Questa volta ad essere penalizzati sono i viaggiatori diretti a Bari che a partire da lunedì 11 giugno vedranno l’interruzione della corsa diretta per Bari delle ore 7.30 e della corsa di ritorno alle 17.30 sempre diretta. “I cittadini hanno richiesto con forza negli anni addietro l’inserimento di queste nuove linee che però l’azienda di trasporti in ogni occasione opportuna non dimentica di eliminare” afferma Michele Nobile, assessore comunale con delega ai trasporti. “Inutile stare a ribadire ogni volta che questa corsa è di estrema necessità per la nostra comunità impoverita di servizi da parte delle istituzioni sovraordinate che continuano nei loro tagli alle piccole comunità anche quando si tratta dei trasporti pubblici”.

L’appello è rivolto alla Provincia, istituzione preposta al controllo dell’azienda che gestisce il trasporto extraurbano. “La Provincia si attivi affinché non vengano soppresse queste corse nel periodo extrascolastico poiché l’utenza non è certo vincolata al periodo di apertura delle scuole, bensì il target di utenti fa riferimento ad altre esigenze come l'università, gli orari di lavoro e di accesso agli uffici e ai servizi, aperti anche nei mesi estivi. Né tanto meno condividiamo l'ipotesi paventata di sostituire nel futuro questa corsa con linee dirette alla nuova stazione di Andria Sud e scambio intermodale con treno. Il viaggio per Bari diventerà un'odissea per i nostri cittadini e i tempi si allungherebbero inevitabilmente ”.

Conclude Nobile “Se saremo ancora vittime di tagli sui trasporti ci vedremo costretti a mobilitare la cittadinanza contro i responsabili. I cittadini di Minervino non sono di serie B e meritano rispetto e dignità, come tutti gli altri”.

Lascia il tuo commento
commenti