Consuete problematiche in città

Rifiuti, cambiata l’azienda ma la cattiva gestione del servizio continua

Cassonetti sporchi, stracolmi e inadeguati alle esigenze dei punti di raccolta, strade sporche, la differenziata porta a porta non ancora partita, personale ancora sotto organico​

Attualità
Minervino sabato 12 agosto 2017
di La Redazione
Immondizia
Immondizia © F. Ricciardelli

Sono passati circa quattro mesi dall’inizio della nuova gestione da parte dell’azienda Asipu, dopo le note vicende tecnico – legali legate alla esclusione della Tradeco dalla gara di appalto del Comune. Il servizio è gestito in via temporanea sino al 30 settembre dalla nuova azienda coratina che aveva annunciato un maggior impegno e maggiori risorse in campo per realizzare il servizio come previsto da capitolato, ma soprattutto ci si attendeva la svolta nella realizzazione della raccolta porta a porta.

Ma in realtà niente di tutto questo è avvenuto. I problemi passati sono ancora tutti attuali, con l’aggravante dell’inadeguatezza dei nuovi bidoni collocati in città. Vi è stata una sensibile riduzione dei cassonetti in vari punti, ma soprattutto quelli destinati alla differenziata di misura condominiale sono del tutto inadeguati per l’utenza nei vari quartieri. Eppure le segnalazioni da parte dei cittadini sono state tantissime, sia all’Amministrazione sia all’azienda, come anche si moltiplicano giorno dopo giorno post sui social che testimoniano l’accumularsi di rifiuti soprattutto nelle aree di raccolta più densamente popolate.

Per molti cittadini i cassonetti di grande misura risultano di difficile funzionalità, in molti casi sono stati divelti i coperchi per facilitare il conferimento delle buste. Mentre quelli di formato minore risultano del tutto inadeguati, in particolare quelli della carta, per contenere cartoni anche di medie dimensioni che seppur piegati non riescono ad entrare nella piccola apertura del bidoncino.

Al problema cassonetti si somma anche quello della pulizia delle strade da carte e materiale vario. Escludendo le vie principali, in cui si interviene quasi regolarmente con maggior efficacia grazie alla spazzolatrice, nei vicoli secondari resta l’incuria, così come si riscontra sporcizia nella villa comunale, e nel centro storico. Meglio invece è andata per il taglio dell’erba che, seppur a rilento, ha via via interessato i vari quartieri. Altro nodo lasciato irrisolto è la pulizia del cimitero lì dove il servizio viene effettuato molto di rado.

Così come anche ci si aspettava un adeguamento del personale con l’impiego di nuovi operatori a tempo determinato per supplire gli stabili nei periodi di ferie. Ma nonostante due avvisi pubblici di selezione, siamo giunti a metà agosto e nessun nuovo operatore è stato assunto per dare man forte alla forza lavoro, se non rilevare in qualche giornata personale aggiuntivo giunto da fuori paese. E ovviamente le conseguenze si ripercuotono sull’accurata realizzazione del servizio.

Anche nella programmazione di interventi risolutivi in merito alla differenziata non ci risulta vi siano delle iniziative in tal senso. Sappiamo come sia proprio l’alto tasso di rifiuto indifferenziato ad innalzare i costi del servizio dovuti al conferimento in discarica, oltre all’applicazione dell’ecotassa. Dopo un “Giovedì della Sindaca” a tal riguardo, è caduto un silenzio sulla vicenda, per cui non è dato conoscere, tempi e modi per la partenza della differenziata spinta porta a porta. Insomma in paese si registra un grande malcontento tra i cittadini relativo alla gestione rifiuti, che è alimentato anche dell’innalzamento della TARI al 10%, un servizio che i cittadini pagano caro ma per il quale non intravedono spiragli risolutivi. E sicuramente ai visitatori ed emigranti presenti a Minervino in questi giorni non è stato certo offerto uno spettacolo decoroso da questo punto di vista.

Piccola nota positiva la registriamo con la comunicazione da parte della Regione Puglia di un finanziamento per il nostro Comune per la realizzazione di una Casa dell’Acqua e una Compostiera di Comunità. Un progetto che l’Amministrazione aveva presentato nei mesi scorsi e che è stato ammesso a finanziamento per un totale di € 74.400.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette