Minervino - lunedì 22 febbraio 2016 Cronaca

Sicurezza

Personaggio pericoloso in giro per Minervino, il Sindaco ha richiesto da tempo e ottenuto oggi l’esecuzione del TSO

Dopo una rocambolesca fuga per le vie del paese il soggetto è stato condotto in ospedale dagli agenti di PM

Un'ambulanza del 118 © n.c.
di La Redazione

Nella mattinata di oggi abbiamo pubblicato l'articolo dal titolo "Personaggio pericoloso in giro per Minervino, fino a quando si dovrà passeggiare evitando di incrociargli lo sguardo?" e poco fa abbiamo avuto notizia che il soggetto è stato intercettato, dopo una rocambolesca fuga per le vie del paese dagli agenti della Polizia Municipale e condotto in ospedale per l'esecuzione del TSO (trattamento sanitario obbligatorio) richiesto da tempo dal sindaco Superbo, interessando anche il Prefetto e ottenuto solo oggi.

Come recita la legge infatti il Sindaco può emanare l'ordinanza di TSO nei confronti di un libero cittadino solo in presenza di due certificazioni mediche che attestino che:

1 la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici

2 gli interventi proposti vengono rifiutati

3 non è possibile adottare tempestive misure extraospedaliere.

Le tre condizioni di cui sopra devono essere presenti contemporaneamente e le due certificazioni mediche devono essere rilasciate una dal medico (che può essere il medico di famiglia, ma anche un qualsiasi esercente la professione medica) e l’altra da un secondo medico che deve appartenere alla struttura pubblica. La legge non prevede che i due medici debbano essere psichiatri.  Al momento l'individuo è ricoverato nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Bisceglie

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo